Intraprendenza e buona cucina danno vita all'Osteria de Borg



È la primavera del 1989. Luisa Fabiani, abita nel Borgo San Giuliano dalla nascita, proprio davanti al circolo culturale. Con il marito Veniero ed alcuni soci del circolo, manifestano l'idea di aprire una spaghetteria, attività molto di moda negli anni ottanta. Luisa però è più tradizionalista e sogna di proporre la carne in un Borgo presidiato da soli ristoranti di pesce.

E così dopo circa sei mesi di lavoro il bar del circolo diventa una tipica Osteria, la prima nel riminese. Il 24 dicembre 1989, alla vigilia di Natale, inaugura l'Osteria De Borg. L'Osteria è da subito un grande successo, vengono apprezzate le paste fatte in casa, la piadina, ed in particolare i dolci che sono sempre stati i fiori all'occhiello dell'osteria. La cucina curata personalmente da Luisa è un incontro tra tradizione romagnola e creatività. E proprio dalla sua fantasia, unita ad uno spunto della cognata che le parla di un sugo alle carote, che Luisa dopo vari esperimenti inventa uno dei piatti che hanno segnato la storia dell'Osteria: il cappelletto alle carote, piatto esclusivo e sempre presente in menù.

Le ricette della tradizione riminese: scopri come preparare a casa tua i piatti della cucina romagnola che "non mancano mai" sulle nostre tavole! Buon appetito!
Scarica il quaderno delle ricette»



ENRICA, GIULIANO & MIRKO



Nel maggio del 2007 Mirko Monari, Giuliano Canzian ed Enrica Mancini, rilevano l'Osteria continuando a proporre i piatti tipici quali i salumi di Mora Romagnola, i primi piatti al mattarello e i celebri dolci, unitamente ad alcuni prodotti locali come la carne della Val Marecchia e i formaggi a latte crudo del Buon Pastore di Montefiore Conca, accompagnati dalle composte di frutta e verdure fatte in casa.
A 23 anni dall'inaugurazione, nel dicembre 2012, l'Osteria de Borg cambia immagine e arredi per ospitare oltre alla tradizionale cucina di terra, la pizza cotta in forno a legna.
Le paste fatte in casa, la piada, i dolci sono sempre stati i fiori all'occhiello del locale. L'Osteria rispetta la tradizione romagnola, sia a tavola che negli arredi.